Pensieri del SERM 2017

Anche l’Ausf Italia ha partecipato al SERM 2017 dal titolo: “Old-growth forests”,
che ha avuto luogo dal 23 al 30 aprile in Bulgaria.

L’esperienza ha visto protagonisti studenti forestali provenienti da diversi Paesi del Sud-Europa, che hanno potuto conoscere e godere di uno dei luoghi più importanti e nascosti delle montagne incontaminate facenti parte della zona sud-occidentale della Bulgaria.
I partecipanti hanno potuto in particolar modo apprezzare la ricchezza di biodiversità,
e conoscere più approfonditamente la gestione forestale locale.

Maria Ilaria, un membro dell’Ausf Viterbo che ha partecipato al SERM 2017,
ha voluto condividere la sua esperienza.
Pubblichiamo di seguito il suo messaggio e la ringraziamo per il contributo.

“Questa è stata la mia prima esperienza SERM... ed è stata meravigliosa.          Ho condiviso una settimana grandiosa in presenza di più di una quarantina di studenti e rappresentanti delle associazioni forestali provenienti da 14 Paesi del Sud-Europa. 

Un dovuto ringraziamento va infatti allo “Students Club of Environmental Protection” (SCEP) che ha organizzato questo evento, nonché all’IFSA e all’AUSF Italia, di cui sono contenta di far parte, anche perché danno spesso la possibilità ai loro membri di partecipare ad esperienze come questa, che ci arricchiscono come studenti e come persone.                                                          Difatti in queste occasioni, non solo si conoscono nuovi colleghi, ma si ha la possibilità e di ampliare le proprie vedute e di confrontarsi con le diverse realtà facenti parte del nostro campo d’interesse, quello forestale o anche "semplicemente" ambientale.
Non di secondaria importanza è stata la possibilità di conoscere e apprezzare nuove culture, e perché no, avere una visione più chiara per poter scegliere in seguito di intraprendere un tirocinio, un Erasmus o una carriera professionale all'estero.

In questa occasione, poiché ci siamo affacciati sull'Europa e non sul territorio italiano, abbiamo avuto la possibilità di apprendere nuovi e diversi modi e metodi di gestione forestale e del territorio. 
Durante la settimana si sono susseguite diverse attività, una più interessante dell’altra: abbiamo fatto visita in diversi parchi e riserve, affrontato bellissime escursioni, partecipato ai workshop e a varie visite d’interesse anche non prettamente forestali.  
Il SERM potrebbe essere anche l’occasione per farsi conoscere e candidarsi per ruoli attivi a livello internazionale, come ad esempio il -regional rappresentative(RR)- (che sono solitamente due membri, ma si sta lavorando per aumentarne il numero!) ed altre cariche all'interno dell'IFSA.                                   Infine posso concludere dicendo che il SERM è un’opportunità da non lasciarsi sfuggire, coglietela non vi pentirete!”            

                                                    Maria Ilaria Pistelli