Benvenuti

La Confederazione delle Associazioni Universitarie degli Studenti Forestali d’Italia unisce passione, voglia di agire e di comunicare di centinaia di studenti, con l’intenzione di andare alla ricerca di prospettive sempre nuove in un ambito che da sempre è il più importante per l’uomo e del quale tutti gli altri sono derivati: il suo rapporto con l’ambiente. Non siamo ambientalisti nel senso comune, forse lo siamo nel senso più alto, quello che racchiude l’agire concreto sul territorio. Preferiamo definirci tecnici forestali, da tecnici ci muoviamo e lavoriamo per costruire qualcosa di nuovo; lo facciamo attraverso una rete di comunicazione che lega le Associazioni Universitarie di Studenti Forestali di tutta Italia, cercando di inserirci in quelli che sono i processi decisionali e di formazione.
In questa associazione sono passati, stanno passando e passeranno ragazzi il cui compito è fare da tramite tra l’uomo, con le sue leggi, e la natura, con la sua continua ricerca di equilibri. A volte saremo chiamati a difendere la natura, a volte a piegarla per i nostri scopi; sempre dobbiamo ricordare che mettiamo in contatto due mondi, che furono il medesimo e che forse torneranno ad unirsi, e riusciremo a farlo al meglio solo conoscendoli a fondo entrambi. Dovremo essere umani grandi ed umili per farci carico di un così alto ruolo che merita considerazione e più ascolto rispetto a quello che ad oggi gli si dà.

Così mi disse un Vecchio che incontrai una sera di febbraio di ritorno dal Bosco:
“Ogni tanto stai in silenzio, ascolta il bosco. Ogni rumore, ogni odore, il colore e la forma d’ogni ramo, delle foglie, il muschio, le gocce tra le felci, il fragore continuo degli insetti nel fogliame. Ragazzo, fai bene a venire qui nel bosco; qui non ci sono le leggi dell’uomo, una sola formica conta come un branco di lupi, una primula come  una faggeta; ognuno è essenziale e superfluo e tutti prendono in prestito la vita per poi restituirla e non si chiedono perché. La neve all’ombra resiste ancora, gli alberi resistono al ghiaccio e alla notte che si fa rubare dal sole qualche istante ogni giorno. C’è un equilibrio sottile fatto di mille intrecci e mille disequilibri che insieme sono armonia. Se riesci, e ci riuscirai, non scordarti che sei una piccola parte di questo insieme, sei la foglia di un grande albero, una foglia in un bosco ed ogni gesto o azione che fai nel bene e nel male, non sarà utile a te come singola foglia ma si ripercuoterà sull’intero albero, la sua eco si propagherà in tutto il bosco; magari ora non riesci a sentirla, devi solo allenarti, ma stai sicuro che c’è. Ragazzo, fai bene a venire nel bosco.”

Il presidente 2011/2012
Lapo Brau


Questa è l’AUSF Italia

Una volta vidi due figure correre sotto la cresta di una montagna. I capelli lunghi al vento. Le braccia nude. Il sentiero era stretto, da un lato la dura roccia dall’altro il precipizio. Il cielo grigio, il vento tirava forte e gelido a tagliarti la pelle.
Guardai le due figure ed ebbi un brivido. Non mi stupì quella visione. Per un attimo tornai con la mente al passato, a remote ere geologiche. Non mi meravigliai di vederli lì, quei  due corpi, facevano parte di quel posto, erano, insieme alla roccia alle nuvole e alla montagna, complete. Poi capii…
C’è qualcosa di immutato che ha attraversato il tempo e lo spazio e che si trova dietro al centro di ogni persona. Qualcosa che si può chiamare istinto, o spirito selvaggio, o ancora irrazionale. Sicuramente è qualcosa che ci lega alla Natura. Natura come essenziale, essenza, come realtà visibile, cruda, spoglia e proprio per questo ricchissima.
Penso che l’animo di un forestale sappia cogliere le sensazioni che suscita un paesaggio dalla cima di una montagna, sappia dare significato alla foglia che cade girando su se stessa nella penombra di un bosco, sappia riconoscere l’odore di legno fresco che riempie i polmoni.
La Confederazione delle Associazioni Universitarie degli Studenti Forestali d’Italia (AUSF ITALIA) nasce con l’intento di creare una rete nazionale che colleghi e coordini tutte le AUSF locali presenti sul territorio. Lo scopo è quello di conoscere e farsi conoscere nel mondo professionale, e quindi di rappresentare un trampolino di lancio per le possibilità lavorative degli ausfini neo-laureati. Ciò è possibile grazie all’unione dei gruppi AUSF che durante l’anno hanno modo di incontrarsi e conoscere le realtà locali, e grazie al lavoro dei direttivi (sia a livello locale che nazionale) che si impegnano ad organizzare attività e contatti con enti ed istituzioni per arricchire le conoscenze ed accrescere le competenze.
Credo fortemente nel valore dell’Associazione poiché dona al giovane forestale una più ampia visione del campo che lo affascina e nel quale opererà, e poiché sviluppa, o semplicemente libera in lui, la consapevolezza dello stretto contatto, indissolubile e imprescindibile, con la Natura in sé e con la Natura di ogni cosa.

Il presidente 2013/2014
Francesca Salatino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *